In Italia 3 milioni di affamati

17 ottobre 2019

In Italia ci sono 2,7 milioni di affamati che nel 2018 sono stati costretti a chiedere aiuto per mangiare, di cui oltre il 55% concentrati nelle regioni del Mezzogiorno. E’ quanto emerge dalla prima mappa della fame in Italia elaborata dalla Coldiretti in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione promossa dalla Fao, sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea). 

A differenza di quanto si pensa – sottolinea la Coldiretti – il problema alimentare non riguarda solo il terzo mondo ma anche i Paesi più industrializzati dove le differenze sociali generano sacche di povertà ed emarginazione.

Le maggiori criticità in Italia – precisa la Coldiretti – si registrano in Campania con 554.000 di assistiti, in Sicilia con più di 378.000 ed in Calabria con quasi 300.000 ma anche nella ricca Lombardia dove si trovano quasi 229.000 persone in difficoltà alimentare.

Tra le categorie più deboli degli indigenti a livello nazionale si contano – continua la Coldiretti – 453.000 bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi 197.000 anziani sopra i 65 anni e circa 103.000 senza fissa dimora.

La stragrande maggioranza di chi è stato costretto a ricorrere agli aiuti alimentari lo ha fatto attraverso la consegna di pacchi alimentari che rispondono maggiormente alle aspettative dei nuovi poveri (pensionati, disoccupati, famiglie con bambini) che, per vergogna, prediligono questa forma di sostegno piuttosto che il consumo di pasti gratuiti nelle strutture caritatevoli.

Infatti sono appena 113.000 quelli che si sono serviti delle mense dei poveri a fronte di 2,36 milioni che invece hanno accettato l’aiuto delle confezioni di prodotti.

Ma ci sono anche 103.000 persone – aggiunge la Coldiretti – che sono state supportate dalle unità di strada, gruppi formati da volontari che vanno ad aiutare le persone più povere incontrandole direttamente nei luoghi dove trovano ricovero.

Di fronte a questa situazione di difficoltà sono molti gli italiani attivi nella solidarietà a partire da Coldiretti e Campagna Amica che hanno lanciato l’iniziativa della “spesa sospesa”.

Si tratta della possibilità di fare una donazione libera presso i banchi dei mercato di Campagna Amica per fare la spesa a favore dei più bisognosi. In pratica, si mutua l’usanza campana del “caffè sospeso”, quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo.

Insieme a questi dati forniti da Coldiretti devono essere necessariamente considerati anche quelli recentemente resi pubblici dall’Eurostat.

Infatti in Italia nel 2018 il 27,3% della popolazione è risultata essere a rischio povertà o esclusione sociale contro il 25,5% del 2008, precisando che il nostro Paese figura tra i sette Paesi dell’Unione europea dove oltre un quarto della popolazione è a rischio.

Al primo posto si colloca la Bulgaria (32,8%) mentre l’Italia figura al sesto davanti alla Spagna (26,1%).

E in Sicilia e Campania più del 40% della popolazione è a rischio povertà, ha cioè un reddito disponibile dopo i trasferimenti sociali inferiore al 60% di quello medio nazionale.

Si tratta del livello più alto in Unione Europea.

In Campania la percentuale di coloro che sono a rischio povertà è del 41,4% (era 34,3% nel 2017) mentre in Sicilia è in calo al 40,7%. La situazione migliora in Calabria dove le persone a rischio di povertà sono il 36,4%.

Esaminando il rischio di povertà ed esclusione sociale che tiene conto non solo del reddito disponibile confrontato con la media nazionale ma anche della grave deprivazione materiale e delle famiglie nelle quali è molto bassa l’intensità di lavoro Campania e Sicilia rimangono  comunque le regioni europee nelle quali questa percentuale è più elevata.

In Campania è a rischio di povertà o esclusione sociale più della metà della popolazione (il 53,6%) con un incremento significativo rispetto al 2017 (era il 46,3%) e il dato peggiore dal 2004, anno di inizio delle serie storiche.

In Sicilia il tasso di povertà o esclusione sociale è al 51,6%, in flessione dal 52,1% del 2017.

Secondo l’Eurostat mentre migliora complessivamente il risultato italiano (dal 28,9% al 27,3% le persone a rischio di povertà o esclusione nel complesso nel 2018) in Campania la situazione peggiora.

Osservando le persone che vivono in famiglie nelle quali vi è una bassa intensità di lavoro (dove le persone che hanno tra i 18 e i 60 anni, esclusi gli studenti, hanno lavorato meno del 20% del loro potenziale negli ultimi 12 mesi) Campania e Sicilia sono comunque tra le tre peggiori in Europa.

Dopo la regione spagnola di Ceuta (34,6%) c’è la Sicilia dove oltre un quarto della popolazione vive in famiglie con bassa intensità di lavoro (il 25,8%, in crescita dal 23,7% del 2017).

In Campania è in questa situazione un quinto della popolazione (il 20,9%, in calo rispetto al 23,5% del 2017).

In Italia la percentuale nel 2018 è all’11,3%, in calo rispetto all’11,8% del 2017.

Annunci

La ‘ndrangheta riduce l’occupazione

14 ottobre 2019

Generalmente si ritiene che le mafie determinano un aumento dell’occupazione. Le conclusioni di uno studio recente della Banca d’Italia “Gli effetti della ‘ndrangheta sull’economia reale: evidenze a livello di impresasono invece molto diverse: le attività di riciclaggio della ‘ndrangheta nel Centro-Nord provocano una notevole diminuzione dell’occupazione. 

Lo studio analizza gli effetti della criminalità organizzata sull’economia reale, concentrandosi sul caso della ‘ndrangheta.

Combinando dati di fonte giudiziaria e di impresa si costruisce un indicatore statistico del rischio di infiltrazione mafiosa per le imprese del Centro Nord.

I risultati mostrano che la criminalità organizzata tende a infiltrarsi in imprese che attraversano periodi di difficoltà finanziaria e che operano in settori maggiormente legati alla domanda pubblica o più adatti al riciclaggio; l’infiltrazione si associa a un significativo aumento del fatturato delle imprese interessate; la diffusione della criminalità organizzata ha effetti negativi sulla crescita aggregata di lungo periodo.

Di conseguenza nei comuni del Centro-Nord le cui imprese sono state infiltrate dalla ‘ndrangheta l’occupazione è calata del  28% tra il 1971 e il 2011.

Si tratta del primo studio che cerca di ricostruire gli effetti di lungo termine determinati dalla criminalità organizzata sulla produzione dei territori in cui questa si infiltra, escludendo quelli di provenienza.

La ‘ndrangheta è il soggetto più adatto per un’analisi del genere perché solo il 23% dei suoi ricavi annuali, stimati fra i 3 e i 4 miliardi di euro, è realizzato in Calabria, , a differenza di quanto succede per camorra e Cosa nostra che in Campania e in Sicilia hanno ricavi superiori al 60% del totale.

La maggior parte del business ‘ndranghetista, quindi, è altrove (Centro-Nord, ma anche il resto d’Europa): narcotraffico internazionale, manipolazioni di appalti pubblici, estorsioni, gioco d’azzardo.

Come già anticipato, tre sono le principali conclusioni dello studio.

Prima conclusione, la ‘ndrangheta tende a infiltrarsi in imprese che hanno difficoltà finanziarie  e in settori che dipendono maggiormente dalla domanda del settore pubblico oppure in cui è più diffuso il riciclaggio di denaro.

Nel primo caso, il motivo principale di infiltrazione è massimizzare il profitto o estrarre una rendita, mentre nel secondo lo scopo è l’occultamento dei proventi di attività illecite.

Seconda conclusione: l’infiltrazione inizialmente genera un incremento dei ricavi delle aziende. Forse anche perché una parte dei ricavi maschera il riciclaggio.

Terza conclusione: nel lungo termine ci sono effetti negativi sulla crescita economica a livello locale  e di conseguenza sull’occupazione.

L’ingresso della mafia aumenta i ricavi delle aziende facendo crescere il numero di impiegati ma non gli investimenti: le imprese corrotte hanno una maggiore probabilità di uscire dal mercato, non è chiaro se per via volontaria o per decisioni di carattere giudiziario.

Il peggio succede se la mafia si inserisce nel mercato per fare profitto e investimenti, falsando il gioco della concorrenza e costringendo i competitor a chiudere: in questo caso l’impatto negativo è maggiore.

E sono molti i modi in cui la criminalità organizzata finisce per ridurre la ricchezza e il benessere di un paese, a cominciare dai costi diretti, cioè tutte le risorse che la mafia recupera direttamente dall’economia (rapine ed estorsioni, per esempio).

A questi si aggiungono i costi indiretti, generati da tutte le distorsioni che la criminalità opera sull’economia, che includono i legami di corruzione con i governi locali.


Susanna Tamaro, un libro sulla scuola

7 ottobre 2019

Il nuovo libro di Susanna Tamaro si intitola “Alzare lo sguardo” ed è dedicato alla scuola. In una lunga lettera a una professoressa la scrittrice riflette sul senso – e sulla perdita di senso – dell’insegnamento: “Nel secolo scorso abbiamo smesso di pensare che educare le nuove generazioni fosse una cosa importante” scrive Tamaro. 

Prima di riportare alcune riflessioni sul nuovo libro di Susanna Tamaro, mi sembra opportuno riportare un breve estratto, in cui la scrittrice ricorda i suoi esordi scolastici:

“Ricordo ancora il mio primo giorno di scuola. Indossavo un maglioncino color blu petrolio sferruzzato da mia madre, una gonna grigia che pizzicava terribilmente e avevo i capelli raccolti in due modesti codini legati da fermagli a forma di coccinella.

Ricordo il caos della grande aula dove venivano gridati i nomi per comporre le varie classi e il terrore assoluto nel sentire quel frastuono, nel vedermi circondata da decine, centinaia di volti sconosciuti.

Quando mi hanno chiamata, ho varcato quella porta con la consapevolezza dantesca del ‘lasciate ogne speranza, voi ch’intrate’. Non sapevo ancora né leggere né scrivere, non ero una bambina prodigio.

Mi è subito piaciuto l’abbecedario perché lì tutto era chiaro. Un bel pulcino giallo e sotto la lettera P, la luna e la L, un gattino e la G. Mi piaceva anche riempire le pagine di lineette, di riccioli, di tondi panciuti. C’era un ordine da rispettare e un’ossessività che ben si adattavano al mio carattere.

Non ho mai imparato a tenere la penna in mano – tutt’ora la impugno come fosse un punteruolo – però ero una bambina piena di silenziose curiosità e desiderosa di fare al meglio i suoi compiti.

Ma nell’ottobre della seconda è arrivata la catastrofe: il primo cinque della mia vita. Che cos’era successo? La maestra aveva detto che dovevamo studiare a memoria una poesia su Cristoforo Colombo per il giorno dopo. Io non avevo la minima idea di cosa volesse dire studiare, e tanto più a memoria, così il giorno dopo, vedendo la maggior parte delle mie compagne ripetere la poesia cantilenando con serena sicurezza, avevo capito di essere spacciata. Arrivato il mio turno, avevo cercato di inventare: ‘Le tre caravelle… erano grandi, erano belle…’.

‘Tamaro, un bel cinque! Non hai studiato niente e hai cercato anche di imbrogliare’.

Ricordo con perfetta lucidità l’angoscia di quelle ore. Come avrei potuto sopravvivere al marchio di infamia? Come avrei potuto camminare fino a casa, aprire la bocca davanti a mia madre e confessare il mio brutto voto?

Al termine delle lezioni avevo detto con voce tremante a mio fratello maggiore: ‘Ho preso cinque…’. Ma lui – che all’epoca era quello che si diceva un discolo – non era sembrato colpito. ‘Cosa vuoi che sia!’ La sua leggerezza però non mi aveva tolto dalle spalle quel giogo.

Al giorno d’oggi sarei stata considerata un Bes, ovvero un Bisogno Educativo Speciale. All’epoca ero soltanto una bambina che non capiva niente; prendere fischi per fiaschi era la mia attitudine naturale; dire cose sbagliate nei momenti sbagliati era il secondo dei miei talenti.

Il passare degli anni mi ha reso sempre più fragile, sempre più insicura, più incapace di aprire bocca con il rischio di sentire il mio cognome accoppiato a quel simpatico quadrupede che ha l’abitudine di ragliare.

Anche mio fratello ha avuto una carriera scolastica tutt’altro che brillante, ma la grande differenza tra noi era che lui non studiava affatto, mentre io trascorrevo ossessivamente il mio tempo sui libri cercando di migliorare, di imparare quello che per me era impossibile capire.

Ci può essere qualcosa di più frustrante che essere studiosi e andare male a scuola?

La mia testa funziona in modo molto lento e, soprattutto, è incapace di mandare a memoria cose di cui non comprende il senso. Ecco perché ho desiderato insegnare, per aiutare i bambini come me, quelli che non capivano niente, a entrare dalla porta principale. Forse avrebbero potuto imparare molto di più se a loro fosse stata indicata una porta di accesso secondaria”.

Già sono numerose le recensioni di questo libro di Susanna Tamaro.

Mi è sembrato sufficiente riportare alcune parti di un articolo della scrittrice Paola Mastrocola, pubblicato su “Il Sole 24 ore”, perché molto interessanti.

“…Susanna Tamaro ha appena pubblicato un libro che riguarda la scuola e che già nel titolo contiene un invito molto chiaro: “Alzare lo sguardo”. Non stare bassi, provare a mirare più in alto, non accontentarsi, esigere, richiedere qualcosa in più e a tutti, ragazzi, genitori, insegnanti.

Alzare lo sguardo è, per esempio, la professoressa che regala ai suoi allievi di un istituto tecnico, ogni anno a inizio anno, una copia delle Lettere a un giovane poeta di Rilke (a lei Susanna Tamaro si rivolge scrivendo l’intero libro come fosse una lettera).

Alzare lo sguardo è non considerare quei ragazzi inferiori o incapaci solo perché frequentano un tecnico. Anzi, è pensare che proprio perché frequentano un tecnico è doveroso regalar loro Rilke.

Alzare lo sguardo è, soprattutto e in modo rivoluzionario, pensare che Rilke – la poesia in generale, l’arte, la letteratura, la scienza, il pensiero astratto – sia fondamentale per la formazione di un ragazzo oggi.

Il libro tocca molti temi, ma è nella sostanza un appello accorato. Senza polemiche, senza prese di posizioni drastiche, senza diktat perentori.

E’ un appello ‘soft’, a bassavoce, ma potente, di una persona che da fuori – non fa l’insegnante, scrive libri – dice che la scuola le interessa. In questo senso ci pro-voca, ci chiama a raccolta: la scuola deve interessare a noi tutti, in quanto esseri umani, perché riguarda il destino dei giovani, dunque il futuro della nostra civiltà.

Il libro di Susanna Tamaro è soprattutto un invito a ricominciare a educare. Traducendo nel linguaggio della sua passione naturalistica, ci dice che educare è coltivare. Ora non coltiviamo più, lasciamo che i nostri figli vengano su come l’erba selvatica, mentre dovremmo pensarli come alberi, bambini-alberi e non bambini-erba. Alberi da frutta, per esempio, che hanno bisogno di cure costanti perché alla fine poi diano i frutti.

Educazione è e-ducere, portar fuori. Indicare la via. Dunque, scegliere. Assumersi la responsabilità di una scelta, cosa che, lei dice, nel secolo scorso abbiamo smesso di fare.

‘Che cos’è infatti l’educazione se non la più alta e raffinata opera di discernimento? Si riconosce che esistono due strade e si aiuta la persona a saper decidere quale imboccare. Se si tace, se si ignora che tutta la complessità umana si gioca nella scelta tra questi due cammini, se si lascia un cucciolo d’uomo in balia dei suoi istinti, è assai probabile che si comporti come gli scimpanzè…’.

…Alzare lo sguardo è anche, dunque, educare. Prendersi il rischio, accettare la sfida che ogni scelta comporta, pagare il prezzo che ogni presa di posizione richiede.

Forse quel che più m’inquieta della scuola oggi lo trovo nel passo in cui Tamaro racconta questo: ‘Una mia amica, – scoprendo che gli studenti dell’ultimo anno giocavano a carte durante le sue lezioni, è andata a parlare col preside per capire come comportarsi. Li lasci fare, si è sentita rispondere, tanto sono abituati così. E poi sono in quinta, quest’anno se ne andranno…’.

Lasciamo da parte la colpevole e indecorosa indifferenza di chi ci dovrebbe guidare – che ci sconcerta. E anche la solitudine, la completa impotenza a cui l’insegnante è destinato – che ci commuove. In quel racconto sta il problema più serio e gigantesco che abbiamo, secondo me, il problema, il più urgente da risolvere: i ragazzi in classe, durante le lezioni, giocano a carte.

Si può dire che si comportano così perché la scuola è sbagliata, non riesce a interessarli, i programmi sono vecchi, gli insegnanti incapaci. Può darsi.

Ma io non credo che sia (soltanto) questo. Direi piuttosto che la scuola è uscita dalla loro vita, o non c’è mai entrata, perché nella vita nostra, di noi tutti non c’è più il valore che la scuola ha sempre rappresentato: la cultura, astratta, disinteressata, il desiderio di averla, farla propria.

Un ragazzo di oggi non va a scuola per leggere Rilke, non è fiero di conoscere le poesie di Rilke, non sa cosa farsene, e lo annoiano. Per questo gioca a carte.

Ma la scuola continua a insegnare Rilke! Questo è il punto. So che molti (la maggioranza?) pensano che dovrebbe smetterla, che proprio il fatto di insegnare ancora Rilke sia ciò che allontana i ragazzi.

La penso esattamente al contrario, che sia giusto e sacrosanto, e che la scuola proprio questo debba continuare a fare fino alla fine del mondo: far leggere Rilke. Petrarca, Dovstoevskj, Goethe, Orazio, Montale, Aristotele, Swift…

Se la scuola mai smettesse di fare questo, non avremmo più un passato, e tutta la grandezza e bellezza che nei millenni abbiamo prodotto andrebbe persa per sempre. Consegneremmo il mondo alla volgarità del presente e basta, senza scampo.

Ma certamente c’è un enorme problema di scollamento: da una parte una scuola che continua a fare Rilke, cioè a proporre contenuti culturali alti, e dall’altra una società che se n’è andata altrove, a partire dagli ambiti dirigenziali, dagli esponenti di maggior rilievo.

Per questo dico che mi preoccupa ciò che circonda la scuola, più che la scuola in sé.

Lo spettacolo deprimente che la politica ha offerto negli ultimi mesi certamente non aiuta la scuola, se la scuola è il luogo dove si legge Rilke, se per fortuna è ancora chiamata a far passare, attraverso le materie che insegna, messaggi di altezza, nobiltà, generosità, lealtà e quel valore che è, per l’appunto, lo studio disinteressato, ‘inutile’, pago di se stesso (perché tali sono i messaggi che vengono dai libri, dalla poesia, dall’arte, dalla scienza, dalla letteratura, dalla storia, dai grandi del pensiero di ogni tempo).

Ulteriore scollamento, dunque, tra il patrimonio di valori che i ragazzi sono ancora chiamati a studiare, e gli esempi di miserevole squallore intellettuale e morale che la realtà attuale ci offre quotidianamente.

Pensiamo anche solo a come parlano alcuni politici, a come si esprimono alcuni giornalisti, alcuni conduttori di radio e tivù… Come possiamo accettare questo? Come possiamo far leggere ai ragazzi Rilke in un mondo così?

Ed ecco che torniamo al punto di partenza: dobbiamo esigere di più, non accontentarci, non far finta di niente, non mettere la testa nella sabbia. Alzare lo sguardo.

Ma che fare? Insorgere? Cambiare il mondo? Spodestare la classe dirigente, svitare la testa a chi ci governa, a chi ci indottrina, a chi ci dice menzogne, a chi palesemente agisce soltanto per il proprio tornaconto?

Ci piacerebbe che la scuola restasse l’ultimo baluardo contro la barbarie. Ma non so se possiamo chiederle tanto. Come fa? Dovrebbe assumersi totalmente il compito di educare. Strappare i ragazzi al mondo intero, ai media, alla pubblicità, ai social, alla rete, anche alla famiglia… Dovrebbe tenerseli tutti per sé, i ragazzi, a scuola tutto il giorno, e lasciarli andare solo all’ora di dormire.

Chiudere tutti i dispositivi che li mettono a contatto col mondo reale, che non vedano mai un telegiornale, non leggano un quotidiano, non usino internet…

Utopia che, non lo nego, trovo abbastanza affascinante. Paradossale? Certamente un paradosso che nasce dalla disperazione. Eppure mi pare di scorgere qualche segnale che va nella stessa direzione: penso ai programmi di digital detox, al metodo americano di mandare i futuri manager nel deserto per facilitare la loro attività intellettuale e creativa, e anche alle nuove forme di home learning e home schooling: sistemi quasi monastici, eremitici, di riabilitazione del pensiero, della concentrazione, meditazione, riflessività?

Forse il segno che una certa esigenza di separazione comincia a farsi sentire, un desiderio di “spostarsi”, abitare altri luoghi, sottrarsi all’iperconnessione costante e all’eccessiva esposizione a un mondo che ci convince sempre meno e non ci piace così com’è.

Si potrebbe prevedere un ciclo di vita completamente sganciato, avulso, protetto. Un po’ com’era l’educazione a Sparta, ma con fini culturali, morali, intellettuali… non certo militareschi!

Una scuola che si prende i nostri figli, per esempio per sette anni (dai sei ai tredici), e ce li restituisce che sanno parlare, scrivere, pensare, che amano leggere e studiare, che hanno un cospicuo patrimonio di conoscenze, che non si sono persi nel nulla e sono pronti a far parte della società, o lavorando o continuando gli studi: in due parole, perfettamente liberi.

Se non possiamo cambiare il mondo, almeno salviamoci dal mondo. La scuola come aerea protetta, separata dal resto. Oasi di crescita tutelata. Parco marino. Per salvare la specie dall’inciviltà incipiente…”.


L’economia secondo San Francesco

7 ottobre 2019

Il Papa ha deciso, d’intesa con i francescani del Sacro Convento, di organizzare un grande incontro internazionale tra giovani economisti e imprenditori “under 35” dal 26 al 28 marzo prossimi ad Assisi, per discutere, confrontare esperienze e condividere proposte per una nuova economia, denominato “The Economy of Francesco”, e che è già stato ribattezzato la “Davos francescana”, dal nome della città della Svizzera dove ogni anno si riuniscono politici e banchieri per discutere i destini di un mondo reale che in realtà nessuno o quasi di loro frequenta, chiusi nelle enclave residenziali e nei voli executive.

Perché questo incontro?

Per vari motivi.

Innanzitutto per sfatare un mito, che l’economia di mercato sia stata in qualche modo generata nel mondo protestante nord europeo. Le cose sono andate diversamente, ma questo non sempre viene accettato dalla dottrina economica dominante.

Sono stati, invece, i seguaci di San Francesco d’Assisi a dar vita ad un sistema di relazioni e interazioni che rappresentarono i primordi dell’economia di mercato, secondo gli organizzatori dell’incontro.

Ha scritto l’economista Stefano Zamagni che si trattò di una “risposta all’imbarazzo della ricchezza”, termine tecnico che usano gli storici.

L’imbarazzo della ricchezza era stato scoperto dai monaci cistercensi – basti pensare a Bernardo da Chiaravalle – che “accumulavano ricchezza nei loro monasteri, ma non riuscivano a farla circolare, evidenziando la miseria all’esterno”.

Insomma, Francesco d’Assisi disse: “C’è qualcosa che non va” ed e così ̀che i francescani escono dai monasteri e creano i conventi.

Il convento è esattamente l’opposto del monastero: nel convento è un “con venire”, ed i conventi devono stare nelle città, non fuori perché ́devono essere aperti a tutti.

Quindi l’economia di mercato nasce per consentire alla ricchezza di essere partecipata. Nasce così l’organizzazione della divisione del lavoro.

E Jorge Mario Bergoglio, gesuita argentino che per primo nella storia ha assunto il nome del poverello, sa che è lì che si deve tornare per dare impulso ad un nuova economia, ad un “patto” tra le persone del pianeta che vogliono che ci sia un futuro e che si sviluppi all’interno di un sistema che metta la persona e l’ambiente al centro, e non solo il denaro che produce altro denaro.

Per quanto riguarda l’incontro di marzo il programma si sta ancora scrivendo,  ma ci sarà naturalmente lui, Francesco, e sarà la sua quarta volta ad Assisi in sette anni.

Certo, il percorso che porta all’incontro del prossimo marzo –-un po’ Davos certo, ma forse anche Camaldoli, l’eremo nella vicina Toscana dove nel luglio 1943 le migliori menti cattoliche scrissero il celebre codice per l’economia nazionale – parte da lontano.

Fu Bergoglio, appena eletto nel 2013, che disse cosa pensava del rapporto della Chiesa verso la ricchezza, ma soprattutto del modello economico dominante, uscito immutato nella sostanza dalla grande crisi finanziaria.

Il passaggio del fondamentale documento “Evangelii Gaudium” – considerato il manifesto del pontificato – “questa economia uccide!” è ormai inciso sulla pietra, e il Papa lo ha declinato in ogni sua forma, dai temi della finanza all’economia reale, dalle relazioni sindacali alla difesa dell’ambiente.

Non l’economia di mercato, ma un sistema esasperato (“questa economia”, che ha generato le infinite bolle speculative) che metta l’uomo schiacciato sotto il profitto.

E a seguire l’altro documento fondante sulla salvaguardia dell’ambiente, l’enciclica del 2015 Laudato Si’, dal Cantico delle Creature, il massimo testo di Francesco.

La difesa dell’ambiente, della casa comune, non può essere disgiunta dalla giustizia verso i poveri e dalla soluzione dei problemi strutturali dell’economia mondiale.

Occorre, pertanto per il Papa, “correggere i modelli di crescita incapaci di garantire il rispetto dell’ambiente, l’accoglienza della vita, la cura della famiglia, l’equità sociale, la dignità dei lavoratori, i diritti delle generazioni future”.

Al centro della pastorale bergogliana-francescana c’è la denuncia della “cultura dello scarto”, che a pensarci è il fondamento culturale dell’economia circolare, ormai entrata a pieno titolo nelle agende imprenditoriali.

E per scarto il Papa non pensa solo al cibo o ai materiali dei cicli produttivi: pensa prima di tutto alle persone, siano essi i poveri delle baraccopoli, gli anziani soli delle periferie urbane, le persone diversamente abili, le donne vittime di violenze, i disoccupati, i nuovi schiavi reclutati nei campi profughi.

“Nell’incontro ci saranno tantissimi imprenditori giovani che proveranno ad invertire sistemi economici iniqui a favore di sistemi circolari”, ha rilevato padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento.

Riemerge quindi il concetto di “patto”, declinabile in ogni nuovo impegno, e che arriva fino al grande movimento mondiale dei giovani per la difesa dell’ambiente.

E’ lo stesso Papa che lo ribadisce: “un patto comune, un processo di cambiamento globale  che veda in comunione di intenti non solo quanti hanno il dono della fede, ma tutti gli uomini di buona volontà, al di là delle differenze di credo e di nazionalità, uniti da un ideale di fraternità attento soprattutto ai poveri e agli esclusi”.


Nuovo anno scolastico, le priorità secondo Save the Children

2 ottobre 2019

In occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico Save the Children ha sottolineato alcune priorità relative agli interventi da promuovere per quanto riguarda il sistema scolastico italiano. Il principale problema è rappresentato dalla necessità di migliorare considerevolmente la sicurezza nelle scuole, non solo nelle zone a rischio sismico. 

Infatti quasi la metà degli edifici scolastici italiani sono privi dei certificati di agibilità, abitabilità o di collaudo statico.

Le priorità indicate da Save the Children rispecchiano il manifesto in nove punti presentato nell’aprile scorso, congiuntamente a Cittadinanzattiva.

L’insicurezza delle scuole ha provocato, a partire dal 2001, 39 giovanissime vittime.

Tra loro, i 27 bambini della scuola “Francesco Iovine” di San Giuliano di Puglia, che morirono il 31 ottobre 2002 durante il terremoto che colpì il Molise e la Puglia, e Vito Scafidi, morto il 22 novembre 2008 a seguito del crollo di un controsoffitto nel Liceo “Darwin” di Rivoli, vicino Torino.

In ricordo di queste giovani vittime e perché queste tragedie non si ripetano, Cittadinanzattiva e Save the Children hanno chiesto ai parlamentari di tutti gli schieramenti di depositare e discutere in Parlamento una proposta di legge che superi l’attuale frammentazione normativa e garantisca a studenti, personale docente e non docente spazi sicuri e protetti dove poter apprendere o lavorare senza rischiare la propria vita.

Peraltro nell’anno scolastico 2018-2019 ogni tre giorni si sono registrati episodi di distacchi di intonaco e crolli all’interno di edifici scolastici. Un vero e proprio record degli ultimi 5 anni, per un totale di oltre 250 episodi dal 2013.

Le due associazioni dichiararono: “Da anni organizzazioni come le nostre e singoli cittadini si battono in prima persona e svolgono un ruolo di stimolo verso le istituzioni nello spirito dell’art.118 comma 4 della Costituzione, perché la sicurezza scolastica sia garantita nei fatti.

Crediamo che una proposta di legge che veda al centro, tra i vari elementi, la partecipazione dei cittadini per la messa in sicurezza, la ricostruzione e costruzione di nuovi edifici scolastici, possa diventare un terreno di impegno comune per organizzazioni civiche, comitati e istituzioni”.

Nel manifesto si sottolineava come da un lato sia un diritto fondamentale per bambini, insegnanti e personale non docente quello di frequentare strutture sicure, ricevere una piena informazione, partecipare ai temi della sicurezza scolastica in prima persona.

Dall’altro non si può invece prescindere da una definizione chiara di competenze e responsabilità sull’argomento e dal garantire un supporto tecnico permanente a favore di enti locali.

E’ fondamentale inoltre il superamento dell’attuale frammentazione delle fonti di finanziamento per la sicurezza delle scuole, la creazione di una vera e propria cultura della prevenzione e della sicurezza e misure di sostegno per i bambini e i ragazzi coinvolti nelle emergenze.

In occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico, Raffaella Milano, direttrice dei programmi Italia-Europa di Save the Children, ha poi rilevato: “Oltre al tema centrale della sicurezza nelle scuole, auspichiamo, da parte del nuovo Governo, un impegno concreto anche nella lotta alla dispersione scolastica e alla povertà educativa.

Il fenomeno degli studenti che si allontanano dalla scuola, in Italia, è infatti tornato a crescere, dopo diversi anni di riduzione, passando dal 13,8% del 2016 al 14,5% del 201.

Servono dunque azioni efficaci per invertire questa tendenza, a partire da una didattica sempre più inclusiva e innovativa che stimoli l’interesse e la curiosità degli studenti.

Allo stesso modo è fondamentale monitorare costantemente l’attuazione della legge sul cyberbullismo in modo da rispondere tempestivamente alle sfide educative legate alla continua evoluzione delle nuove tecnologie e a prevenire e contrastare i fenomeni di cyberbullismo.

Infine, auspichiamo che il nuovo esecutivo possa definire una strategia per individuare le aree del nostro Paese a più alto rischio di povertà educativa per i bambini, concentrando gli investimenti soprattutto nelle scuole che operano nei contesti più deprivati e dove i minori hanno meno opportunità di accedere a servizi educativi di qualità indispensabili per la loro crescita e per il loro futuro”.


Suicidio assistito, ora tocca al Parlamento. Ma quando?

30 settembre 2019

I giudici della Corte Costituzionale hanno deciso che non è sempre punibile chi aiuta al suicidio. E’ non punibile, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli. 

Adesso spetterà al Parlamento approvare una legge sul suicidio assistito.

Ma il Parlamento non potrà occuparsi di tale questione prima di un mese quando si conosceranno le motivazioni della Consulta.

Di quanto dovrebbe avvenire in Parlamento se ne occupa Giovanni Rodriquez in un articolo pubblicato su www.quotidianosanita.it.

“Sul suicidio assistito il Parlamento non agirà in fretta. Difficilmente infatti, dopo la sentenza della Corte Costituzionale, si incardineranno i lavori fin da subito. Prima si dovranno attendere le motivazioni in modo da inquadrare in maniera più puntuale la nuova normativa che dovrà necessariamente uniformarsi al contenuto della sentenza.

A quel punto ci sarà poi da capire in quale ramo del Parlamento avviare i lavori.

Dalla Camera si fa pressing per far proseguire un iter avviato già dallo scorso gennaio presso le commissioni riunite Giustizia e Affari Sociali, con oltre 50 audizioni già svolte.

L’obiettivo è quello di non lasciare disperso il lavoro portato avanti fino ad oggi.

Le commissioni, negli ultimi 9 mesi, non sono comunque ancora riuscite ad arrivare ad un testo base condiviso che potesse in qualche modo proporre una sintesi equilibrata tra le 13 diverse proposte di legge sul tema presentate dai diversi gruppi parlamentari tra Camera e Senato…”.

Quanto ai contenuti della legge saranno molti i nodi che il Parlamento sarà chiamato a sciogliere.

“…Si dovrà anzitutto intervenire sull’articolo 580 del codice penale, differenziando l’istigazione al suicidio dall’aiuto al suicidio.

Quest’ultimo caso dovrà contemplare una non punibilità, ma solo per alcune fattispecie limitate che dovranno riguardare: ‘chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli’.

Sarà poi compito del Parlamento circoscrivere in maniera più puntuale queste fattispecie.

E ancora, la Corte ha subordinato la non punibilità al ‘rispetto delle modalità previste dalla normativa sul consenso informato, sulle cure palliative e sulla sedazione profonda continua e alla verifica sia delle condizioni richieste che delle modalità di esecuzione da parte di una struttura pubblica del servizio sanitario nazionale, sentito il parere del comitato etico territorialmente competente’…

Altro nodo da sciogliere sarà quello riguardante le modalità di esecuzione del suicidio assistito da parte di una struttura pubblica del servizio sanitario nazionale, come requisito necessario per la non punibilità.

Ci sarà qui da capire se questo si andrà a tradurre nella necessità di eseguire queste procedure esclusivamente all’interno di una struttura del servizio sanitario nazionale o se, più semplicemente, sia sufficiente la supervisione di una struttura di tale servizio su un procedimento attuabile anche in altri ambienti quali, ad esempio, il domicilio stesso del paziente come previsto dalla proposta di legge Sarli…

Infine c’è il tema dell’obiezione di coscienza…

Insomma la questione ad oggi è tutt’altro che risolta.

La stessa Consulta, a più riprese (sia nell’ordinanza di novembre che nella sentenza dei giorni scorsi), ha richiamato il Parlamento a legiferare sul tema.

Ma, un po’ per la delicatezza del tema, un po’ per le diverse questioni spinose che dovranno essere affrontate, non si prospettano tempi brevissimi per l’approvazione di una legge in tema suicidio assistito”.


Il fine pena mai esiste, purtroppo

25 settembre 2019

E’ possibile, in Italia, diversamente da quanto comunemente si pensa, che un detenuto, con la pena dell’ergastolo, non esca più dal carcere, fino alla sua morte. Ciò si verifica quando si ha il cosiddetto ergastolo ostativo, per il quale la Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia.

Quando in Italia è, di fatto, nato l’ergastolo ostativo?

In seguito ad una norma introdotta nel 1992, poco dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio, quando l’ergastolo viene comminato essenzialmente per delitti di criminalità organizzata, i benefici penitenziari, tra i quali la libertà condizionale che può essere concessa agli ergastolani dopo 26 anni di detenzione, sono diventati possibili solo quando il condannato collabori con la giustizia oppure dimostri di non poterlo fare, perché ad esempio poco o nulla sa.

Diversamente, il “fine pena” è “mai”.

Non si tratta, in realtà di casi rari. Infatti, secondo gli ultimi dati disponibili, su 1.790 ergastolani, 1.255 sono “ostativi” (il 70,1% del totale).

Da sempre l’ergastolo ostativo ha generato dubbi circa la compatibilità con alcuni principi della Costituzione e del diritto sovranazionale.

Nel giugno scorso, infatti, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato l’Italia perché per la prima volta ha ritenuto che il regime italiano dell’ergastolo ostativo violasse la dignità umana.

Secondo la Cedu tale regime si applica pressocchè automaticamente in assenza di collaborazione, senza consentire un giudizio caso per caso, nel quale siano accertati i motivi della mancata collaborazione.

La condanna è stata decisa in seguito al caso di Marcello Viola, cittadino italiano, condannato a fine anni ’90, dalla Corte d’Assise di Palmi, per i reati di associazione mafiosa, omicidio, sequestro di persona, possesso illegale di armi.

Viola, in regime di 41 bis dal 2000, si era visto respingere le istanze volte ad ottenere i benefici penitenziari (permessi e liberazione condizionale), poiché, nonostante i rapporti dell’osservazione all’interno del carcere evidenziassero la buona condotta e un cambio positivo della sua personalità,  non era stata accertata la collaborazione con la giustizia.

Secondo la Corte europea, cui il Viola aveva denunciato la violazione dell’art. 3 (divieto di trattamenti umani e degradanti ) e dell’art. 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare) della convenzione europea dei diritti umani, per un verso, il difetto della collaborazione non può sempre essere collegato a una scelta libera e volontaria (perchè può darsi che il rifiuto di collaborare con la giustizia risieda nella paura di mettere in pericolo la propria vita o quella della propria famiglia), per altro verso, la collaborazione non sempre riflette un vero cambiamento o una effettiva dissociazione dall’ambiente criminale.

Secondo la Corte “l’assenza di collaborazione con la giustizia determina una presunzione inconfutabile di pericolosità sociale” che ha per effetto di privare il detenuto di qualsiasi prospettiva di liberazione in contrasto con la funzione di risocializzazione della pena, che consente all’individuo di rivedere criticamente il suo percorso criminale e di ricostruire la sua personalità, e con il rispetto della dignità umana che si trova al centro del sistema messo in atto dalla convenzione.

Una decisione, quella della Cedu, che mette in discussione le disposizioni che regolano l’ergastolo ostativo, invitando il legislatore a una revisione delle stesse, ma che al contempo apre immediatamente nuovi spazi interpretativi alla magistratura di sorveglianza chiamata ad un verifica concreta della pericolosità sociale nella prospettiva di reinserimento del detenuto e di possibilità di recuperare un giorno la libertà.

Inoltre, in ambito italiano, pendono in Corte costituzionale due questioni relative appunto al divieto di benefici per i condannati all’ergastolo ostativo.

In discussione è, di nuovo, l’automatismo tra mancata collaborazione e persistente appartenenza alla criminalità organizzata, quando la ragione del silenzio potrebbe essere, ad esempio, il timore di ritorsioni contro sé e i propri familiari.

Secondo quanto scritto da Carlo Melzi d’Eril e Giulio Enea Vigevani, il primo avvocato e il secondo docente universitario, in un articolo pubblicato da “Il Sole 24 ore”, una disciplina così rigida, come quella prevista con l’ergastolo ostativo, sarebbe da superare.

Oggi, infatti, l’emergenza, alla base della nascita dell’ergastolo ostativo, almeno in termini di violenza così eclatante, sembra essere meno acuta: gli omicidi calano e di stragi, in Italia, non si ha notizia da 25 anni.

E così concludono Melzi d’Eril e Vigevani: “Ci piacerebbe vivere in una democrazia matura, che dovrebbe avere la forza di rinunciare agli strumenti punitivi estremi o prevederne un’applicazione più limitata e non automatica, come invece accade ora con l’ergastolo ostativo”.