Renzi: viva le mamme! E i papà?

Il Pd di Renzi ha recentemente nominato i responsabili dei 40 dipartimenti in cui è stato suddiviso il partito. Polemiche e ironie sono state alimentate dall’istituzione del dipartimento “mamme”. Tale decisione può dare origine a diversi interrogativi. Perché non prevedere anche un dipartimento “papà”, pur se mi rendo conto che questa scelta avrebbe determinato un’ulteriore domanda: perché chiamarlo “papà” e non “babbi”?

Alla prima domanda si potrebbe rispondere ipotizzando che Renzi, almeno adesso, sia più in sintonia con sua madre che con il padre, a causa dell’inchiesta Consip, nella quale è indagato Tiziano Renzi. Del resto, in una intercettazione telefonica tra Renzi figlio e Renzi padre, il figlio intimò al padre di non coinvolgere la madre in quell’inchiesta.

E poi, si sa, i maschi italiani sono molto “attaccati” alle loro mamme e volendo essere, il Pd di Renzi, in maggiore sintonia con la società italiana, in seguito alle diverse sconfitte elettorali subìte negli ultimi anni, la scelta di quel dipartimento potrebbe essere così motivata.

Oppure ancora, la festa della mamma è molto più sentita della festa del papà, di qui la decisione di prevedere un dipartimento mamme e non un dipartimento papà.

Per la verità, qualche osservatore un po’ cattivello potrebbe rilevare che l’istituzione del dipartimento mamme sia uno dei diversi sintomi della notevole confusione che attualmente contraddistingue il Pd di Renzi.

Patrizia Prestipino, membro della direzione nazionale del Pd, in una dichiarazione ha così spiegato la scelta di dare vita al dipartimento mamme “Per continuare la nostra razza bisogna dare sostegno concreto alle mamme. Renzi in campagna elettorale ha detto che si sarebbe occupato anche di mamme, è stato coerente, in Italia nascono sempre meno figli, la genitorialità viene spesso lasciata da sola. Non ci sono più mamme in Italia, vi rendete conto che siamo il Paese più anziano d’Europa? Siamo un Paese che rischia tra qualche decennio di non avere più ragazzi italiani. Se uno vuole continuare la nostra razza, se vogliamo dirla così, è chiaro che in Italia bisogna iniziare a dare un sostegno concreto alle mamme e alle famiglie. Altrimenti si rischia l’estinzione tra un po’ in Italia”.

La Prestipino, però, a causa dell’utilizzo del termine “razza” è stata oggetto di numerose e forti critiche, non raggiungendo quindi il suo obiettivo di giustificare e motivare adeguatamente la decisione di istituire il dipartimento mamme, anzi raggiungendo l’obiettivo opposto, quello di accrescere le perplessità e le valutazioni negative nei confronti di quella decisione.

A questo punto mi sorge un dubbio: non sarebbe stato meglio utilizzare un altro termine, forse un po’ più tradizionale, per definire quel dipartimento, ad esempio “famiglie”, in considerazione anche del fatto che esiste un ministero così chiamato?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: