Renzi è diventato il principale problema del Pd e se ne deve andare

Il secondo turno, meglio conosciuto come ballottaggio, delle elezioni comunali, svoltosi il 25 giugno, è stato contraddistinto dalla sconfitta del centrosinistra, in primo luogo della sua componente più importante, il Pd, del movimento 5 stelle e dalla vittoria del centrodestra.

Io sono stato per diverso tempo, fin da quando venne sconfitto da Bersani nelle primarie del Pd, un sostenitore di Renzi, perché lo consideravo il solo esponente di rilievo di quel partito che potesse davvero rinnovarlo e renderlo capace di governare efficacemente l’Italia, tramite una politica riformista con la quale si affrontassero anche i molti problemi strutturali del nostro Paese.

Ma con il passare dei mesi e degli anni, il contenuto innovativo dell’azione di Renzi è andato progressivamente riducendosi fino ad arrivare all’esito negativo del referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 che, di fatto, si è rivelato essere un referendum pro o contro Renzi, pro o contro il governo da lui presieduto.

Ma Renzi non ha effettuato, almeno pubblicamente, un’analisi approfondita delle cause della sconfitta del 4 dicembre.

Si è sì dimesso da presidente del Consiglio ma è rimasto segretario del Pd, ricandidandosi poi nelle successive primarie, peraltro da lui vinte con un’elevata percentuale di voti.

Dopo il 4 dicembre non ha nemmeno iniziato a promuovere un’azione di rinnovamento del suo comportamento e delle modalità di funzionamento del partito da lui guidato.

Ha fatto in modo che il Pd fosse sempre più isolato non solo dagli altri partiti e movimenti della sinistra ma anche, ed è quello che più conta, da componenti importanti dell’elettorato, in primo luogo da quelle che hanno deciso di astenersi.

A quest’ultimo proposito non ha affatto tentato di analizzare le cause dell’aumento dell’astensionismo.

E’ apparso pensare solamente a come fare per andare il prima possibile alle elezioni politiche anticipate, ritenendo forse che un Pd da lui guidato potesse raggiungere il 40% dei voti ottenuto dai sì al referendum costituzionale.

Ma, lo rilevo di nuovo, non ha cambiato nulla o quasi del suo comportamento e delle modalità di funzionamento del Pd.

E ha sottovalutato, poi, il risultato negativo del Pd conseguito nelle recenti elezioni comunali.

E’ bene aggiungere che anche le altre principali componenti della sinistra non stanno certo meglio, dai cosiddetti scissionisti del movimento democratico e progressista a sinistra italiana e allo stesso movimento promosso da Giuliano Pisapia, i cui contorni rimangono ancora incerti e comunque non ben delineati.

Ma la situazione di questi soggetti politici non deve far dimenticare le notevoli difficoltà attraversate dal Pd e, a questo punto, non si può non sostenere che il principale responsabile dei problemi del Pd, sebbene non il solo, sia diventato Renzi.

Io non credo più che Renzi sia in grado di affrontare efficacemente le difficoltà del Pd e, pertanto, dovrebbe essere sostituito alla segreteria di questo partito.

E vi sono all’interno del Pd esponenti in grado di guidare questo partito meglio di Renzi: ad esempio, fra i renziani, Del Rio e fra i non renziani, Zingaretti.

Non è affatto detto che Renzi se fosse sostituito nel suo incarico di segretario del Pd debba abbandonare definitivamente la politica. Negli anni a venire potrebbe di nuovo assumere incarichi di rilievo. Ma oggi non più.

E si consideri che affrontare efficacemente i propri problemi non riguarda solo il Pd ma l’intero sistema politico italiano ed anche la situazione economica e sociale del nostro Paese.

Infatti se il Pd si rinnoverà davvero e diventerà sul serio un partito in grado di affrontare i principali problemi dell’Italia i benefici potranno estendersi alla maggioranza dei cittadini italiani, anche perché sia il movimento 5 stelle che il centrodestra non sono in grado di affrontare quei problemi, quanto meno seguendo un’efficace politica riformista di sinistra.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: