Con i robot la fine del lavoro e della festa dei lavoratori?

Sempre più spesso si ipotizza che con la diffusione dei robot, con l’intensificazione della cosiddetta rivoluzione digitale, se non si assisterà, come sostengono i più pessimisti, alla fine del lavoro, si potrà verificare una consistente riduzione del numero degli occupati e, di conseguenza, a un aumento di dimensioni molto rilevanti del numero dei disoccupati e di quello di coloro che non cercheranno più un lavoro, definiti dagli economisti inattivi.

Effetto di queste previsioni è l’elaborazione di proposte diverse, spesso poco credibili e talvolta anche fantasiose, quali una forte riduzione delle ore di lavoro, ben maggiore di quella ipotizzata in passato e cioè le 35 ore, l’iniziale svolgimento di un’attività lavorativa a titolo gratuito da parte dei giovani, lo stesso reddito di cittadinanza.

Al di là delle valutazioni esprimibili su queste ed altre proposte simili, al di là degli altri obiettivi, oltre quello prioritario connesso all’aumento degli occupati, che potrebbero anche essere considerati positivamente, a mio avviso non è possibile ritenere che con certezza nel breve e nel medio periodo si assisterà ad una riduzione strutturale degli occupati e quindi anche ad un inevitabile aumento dei disoccupati, sempre di natura strutturale.

Infatti già con la rivoluzione industriale, soprattutto, e con gli altri processi di innovazione tecnologica che si verificarono successivamente, le tesi secondo le quali sarebbe avvenuta una fortissima e definitiva crescita dei disoccupati,  furono sempre smentite.

Infatti, dopo un primo periodo più o meno lungo nel quale effettivamente si assistette ad un incremento della disoccupazione, poi si crearono nuove attività lavorative che determinarono un aumento consistente dell’occupazione.

Perché, con la rivoluzione digitale, con la diffusione dei robot, non dovrebbe essere possibile, se non probabile, il verificarsi della stessa situazione, quanto meno nel medio periodo?

Nel lungo periodo, come sosteneva Keynes, è meglio non avventurarsi, perché come affermò il grande economista inglese “saremo tutti morti”.

Peraltro, nel breve periodo, dopo la crisi economica che ebbe inizio nel 2007-2008, che ha determinato un considerevole aumento dei disoccupati, ora un po’ dappertutto il numero degli occupati è aumentato di nuovo, determinando così una riduzione della disoccupazione.

Certo, se si considerano i Paesi dell’Unione europea, la situazione del mercato del lavoro è piuttosto diversificata. Non posso che fare riferimento all’Italia, dove si è verificato sì un aumento degli occupati e una riduzione dei disoccupati, ma il numero dei disoccupati rimane più elevato rispetto a quanto avviene in altri Paesi, soprattutto per quanto riguarda la disoccupazione giovanile.

Ma questi problemi italiani non hanno niente a che fare con la rivoluzione digitale ma hanno altre cause, tra cui una delle più importanti è lo squilibrio economico territoriale tra Nord e Sud, insieme all’insufficiente crescita economica.

In conclusione, è possibile che anche dopo il grande processo di innovazione tecnologica a cui assistiamo e a cui assisteremo, si creeranno nuove attività lavorative che compenseranno quelle che scompariranno.

E’ comunque auspicabile che si promuovano politiche pubbliche che agevolino la creazione di nuovi lavori.

E, pertanto, è più che probabile che anche in futuro ci sia ancora la festa dei lavoratori, il 1° maggio di ogni anno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: