La produttività del lavoro in forte diminuzione

Recentemente l’Istat ha fornito i dati sull’andamento della produttività del lavoro nel 2016. Si è verificata una forte riduzione pari all’1,2%, mentre nell’anno precedente la diminuzione era stata dello 0,2%. Fra i Paesi dell’Unione europea solo la Grecia ha fatto peggio dell’Italia. E tale notevole riduzione deve essere valutata in modo fortemente negativo.

Negli ultimi 20 anni la produttività del lavoro ha avuto in Italia un andamento quasi stabile. Infatti il tasso medio di crescita è stato pari allo 0,3%.

Sarebbe stato necessario che nel 2016 la produttività del lavoro fosse aumentata e in misura consistente.

Invece è avvenuto il contrario.

Ora se la produttività del lavoro si riduce, e in misura notevole, non è possibile che il Pil aumenti considerevolmente, e infatti nel 2016 l’incremento del Pil è stato molto lieve.

E di conseguenza, con una riduzione della produttività del lavoro, è impossibile che l’occupazione aumenti notevolmente.

Quindi un forte aumento della produttività del lavoro dovrebbe essere uno degli obiettivi prioritari della politica economica del governo, nonché dell’azione degli operatori privati.

E per realizzare un rilevante incremento della produttività del lavoro sarebbero necessari interventi volti ad intensificare il processo di innovazione tecnologica, a migliorare la qualità del capitale umano – soprattutto tramite interventi sul sistema formativo -, ad adeguare le regole contrattuali e le relazioni industriali.

Peraltro sarebbe opportuno accrescere anche la produttività totale dei fattori (che considera sia il lavoro che il capitale), riducendo il peso del fisco sull’economia e della burocrazia, aumentando il tasso di concorrenza, l’efficienza della giustizia e il livello degli investimenti pubblici e privati.

Di questi interventi per aumentare la produttività si parla da anni e, per la verità, anche recentemente, il governo ha varato alcuni provvedimenti senz’altro utili, ma insufficienti, mentre sarebbero indispensabili provvedimenti molto più incisivi.

E’ necessario riconoscere, peraltro, che parte di questi provvedimenti auspicati possono esercitare effetti sulla crescita economica non nel breve periodo. Ma alcuni sì e, comunque, quelli che produrranno effetti nel medio periodo vanno ugualmente realizzati, in quanto la politica economica deve avere anche un’ottica di medio periodo.

E, ribadisco, se nei prossimi anni, la produttività del lavoro continuerà a diminuire, sarà impossibile che la crescita economica si intensifichi e che la disoccupazione si riduca considerevolmente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: