Un “paradosso”, senza il Sud l’economia dell’Italia del Nord come la Germania. E allora?

sud

Sono note le differenze che si riscontrano fra le regioni italiane relativamente alle cosiddette “performances” economiche. Il Sud è contraddistinto, ad esempio, da valori del Pil per abitante decisamente più bassi rispetto al Centro e soprattutto rispetto al Nord. Ma raramente si confrontano i valori del Pil per abitante delle regioni settentrionali con i valori medi che contraddistinguono i Paesi dell’Unione europea più sviluppati. Tale confronto invece è molto interessante: le regioni settentrionali presentano valori di quella variabile non molto diversi dai valori medi dei Paesi europei più sviluppati, economicamente.

Utilizzando i dati forniti dall’Eurostat, per il 2014, relativamente ai valori assunti dal Pil per abitante, ai prezzi correnti di mercato, espressi in euro e calcolati in base alle parità di potere d’acquisto, si può analizzare la seguente tabella:

Italia 26.400

Nord-Ovest 32.200

Nord-Est 31.100

Centro 29.200

Sud 17.500

Isole 17.700

Ue 28 27.500

Belgio 32.500

Danimarca 34.200

Germania 34.500

Spagna 25.000

Francia 29.300

Svezia 33.700

Gran Bretagna 29.900

Olanda 35.900

Esaminando i valori del Pil per abitante, contenuti nella tabella appena riportata, si può rilevare, quindi, che i valori del Nord Italia sono superiori al valore medio dei Paesi dell’Unione europea, sono più elevati rispetto ai valori medi della Francia e della Gran Bretagna e non sono molto più bassi dei valori medi attribuiti a Germania, Svezia e Olanda.

Ed anche il valore che il Pil per abitante assume nel Centro Italia è più alto del valore medio dell’Unione europea.

Come prevedibile, pertanto, a determinare il valore medio dell’Italia non molto alto sono i valori che il Pil per abitante assume nelle regioni meridionali.

Questa la situazione nelle diverse regioni italiane:

Piemonte 27.600

Valle d’Aosta 36.500

Liguria 28.700

Lombardia 34.700

Provincia di Bolzano 39.700

Provincia di Trento 33.700

Veneto 29.800

Friuli 27.800

Emilia-Romagna 32.200

Toscana 28.700

Umbria 24.000

Marche 25.300

Lazio 31.400

Abruzzo 23.100

Molise 20.500

Campania 16.700

Puglia 17.200

Basilicata 19.000

Calabria 16.100

Sicilia 17.000

Sardegna 19.900

E allora?

Come in passato alcuni leghisti proponevano, allontanare dal resto dell’Italia le regioni meridionali, ipotizzando una secessione?

Assolutamente no.

Essere però consapevoli che l’insufficiente processo di sviluppo economico, in Italia, interessa prevalentemente, se non esclusivamente, le regioni meridionali, sì.

E, di conseguenza, essere consapevoli che se non si attuerà una politica da parte del governo, ma anche da parte degli operatori economici privati, davvero efficace, rivolta a promuovere lo sviluppo economico del Sud, i problemi economici del nostro Paese non saranno mai risolti, fino in fondo.

E le stesse considerazioni possono essere formulate se si analizzano i dati del mercato del lavoro e in primo luogo i valori assunti dal tasso di disoccupazione e tasso di occupazione.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: