Qualcuno si ricorda ancora di Enrico Mattei e delle “sette sorelle”?

petrolio

Da pochi giorni sono passati 55 anni dalla morte, avvenuta quindi il 27 ottobre del 1962, di Enrico Mattei, un presidente dell’Eni che svolse un ruolo di primo piano nell’elaborazione e nell’attuazione della politica energetica italiana nel periodo nel quale svolse quell’incarico. Le cause della sua morte non sono state chiarite completamente, tanto che è stato ipotizzato che Mattei fosse stato vittima di un attentato – l’aereo su cui volava cadde in circostanze misteriose -. Ci fu anche chi ritenne responsabili della morte di Mattei le cosiddette “sette sorelle”, cioè le maggiori società che operavano nel settore petrolifero, perché danneggiate dalle scelte dell’Eni di Mattei.

Così su Wikipedia vengono descritti i rapporti tra Mattei e le sette sorelle.

“Mattei, che non amava sottostare a limiti imposti e dunque non se ne imponeva egli medesimo, studiò a fondo i comportamenti commerciali delle principali compagnie del settore e decise che in fondo non gli mancava nulla per gettarsi nella competizione sul mercato dell’approvvigionamento.

Egli cercò quindi di far entrare l’Agip (si ricorda che l’Agip era un società dell’Eni) nel ‘consorzio per l’Iran’, il cartello delle sette principali compagnie petrolifere del tempo, creato per far tornare sui mercati il petrolio iraniano dopo la conclusione della crisi di Abadan e la deposizione di Mohammed Mossadeq. Entrando nel ‘consorzio per l’Iran’ l’Agip avrebbe ottenuto quell’accesso diretto alla materia prima che le mancava, ma la richiesta di Mattei fu respinta.

Se le concorrenti si erano riunite in un cartello, che Mattei battezzò delle sette sorelle’, l’Eni poteva ben muoversi da indipendente, cercando nuovi accordi e nuove alleanze commerciali per svincolare l’Italia dal ricatto commerciale straniero.

Mattei cercò allora il rapporto diretto con lo Scià di Persia e la Nioc ottenendo una concessione a condizioni particolarmente favorevoli per l’Iran, ma attirandosi in tal modo l’inimicizia del cartello delle sette sorelle.

Altre porte trovò pregiudizialmente sbarrate, finché ebbe notizia di essere oggetto di una campagna di discredito ordita a sua insaputa da parte delle sette sorelle e decise di ponderare meglio e più accuratamente la sua azione”.

Quindi fu Mattei a inventare il termine “sette sorelle”.

E le sette sorelle, al tempo di Mattei, erano: Esso, Shell, British Petroleum (Bp), Mobil, Texaco, Chevron e Gulf.

Successivamente ci furono anche delle fusioni tra queste società.

Fra i possibili mandati dell’eventuale attentato furono indicate anche le sette sorelle.

Infatti le perdite che colpirono la situazione economica delle sette sorelle (in realtà, i minori introiti) ascrivibili a Mattei superavano il bilancio medio di uno Stato medio, e per molto meno furono promosse in passato anche delle guerre.

E la tradizionale vicinanza delle sette sorelle con il governo degli Stati Uniti, non consente di escludere che organizzazioni come la Cia possano aver giocato un loro ruolo, nell’ipotizzato attentato.

Comunque, a parte il possibile ruolo svolto dalle sette sorelle nell’eventuale attentato che determinò la morte di Mattei, queste società furono accusate, prima e dopo la morte di Mattei, di essere state responsabili di altri misfatti e, comunque, di aver influenzato  le politiche dei governi di diversi Paesi fino a progettare e promuovere dei veri e propri colpi di stato.

Il loro notevole potere si ridusse considerevolmente quando nacque l’Opec, l’associazione a cui aderirono gran parte dei Paesi produttori di petrolio, agli inizi degli anni settanta del Novecento.

Comunque le sette sorelle, al di là dell’influenza politica da esse esercitata nei confronti di molti governi, al fine di ottenere delle economie di scala costituirono, senza alcun dubbio, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, un cartello energetico per regolare la produzione di petrolio e la commercializzazione dei derivati petroliferi.

Dato che queste società controllavano di fatto la quasi totalità dell’“upstream” e del “downstream” della produzione petrolifera mondiale, cioè delle attività a monte e a valle di quella produzione, l’effetto di tale accordo ebbe una valenza globale.

Esse riuscirono a controllare per molti anni tutto il ciclo di vita del petrolio definendo le quote di estrazione e il prezzo da pagare ai Paesi produttori.

Inoltre, affinchè non si manifestassero fluttuazioni nel prezzo, mantenendo così il loro “business”, le sette sorelle imposero spesso quote di estrazione inferiori alla capacità massima dei Paesi produttori con effetti negativi sugli utili di questi ultimi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: