Contro la disoccupazione aumentare la produttività. Ma come?

produttivita

La crescita economica è insufficiente, in Italia, per consentire una forte riduzione della disoccupazione, soprattutto quella giovanile, come necessario. In sostanza il Pil sta crescendo di meno rispetto al tasso di aumento medio dei Paesi dell’Unione europea. Per fare in modo che il Pil cresca in misura decisamente maggiore sarebbe indispensabile un consistente aumento della produttività.

Ma la produttività cresce poco, in Italia, da molti anni ormai.

E rilevare che la produttività in Italia debba crescere di più, significa che occorre aumentare il prodotto potenziale, cioè il Pil che si può ottenere con una determinata dotazione dei principali fattori produttivi, lavoro e capitale.

A questo punto è bene precisare che per produttività si intende il rapporto tra il prodotto, o meglio il Pil, e la quantità utilizzata di un fattore produttivo. Generalmente quando si fa riferimento alla produttività si intende la produttività del lavoro – considerando quindi un solo fattore produttivo – oppure la produttività totale, prendendo in esame cioè tutti i fattori produttivi e quindi, di fatto, sia il lavoro che il capitale.

E’ necessario precisare che in realtà, in Italia, si è verificato un vero e proprio ristagno della produttività – nel senso che o la produttività è cresciuta pochissimo oppure è rimasta stabile – a partire dal 1995.

Sono quindi più di 20 anni che si verifica tale ristagno della produttività, mentre, in precedenza, la produttività cresceva, anche a tassi piuttosto elevati.

Quindi, il ristagno della produttività può essere ritenuto, purtroppo, ormai, un carattere strutturale del sistema economico italiano e, pertanto, per modificarlo, è necessario attuare una politica organica e complessa.

Non si può pensare che singoli interventi, seppur utili, possano essere sufficienti per accrescere considerevolmente la produttività, anche se singoli interventi devono essere realizzati, se si vuole ottenere dei risultati anche nel breve periodo.

Quando però si rileva la necessità di accrescere la produttività in Italia, ci si deve confrontare con un problema non certo di lieve entità: anche tra gli economisti le opinioni sulle cause che hanno determinato il ristagno della produttività sono tutt’altro che concordi.

Luca Ricolfi, in un recente articolo pubblicato su “Il Sole 24 ore”, ha sostenuto che, tra gli economisti, esistono almeno dieci spiegazioni, diverse, su quelle cause.

E’ del tutto evidente che se le opinioni circa le cause che hanno determinato e che determinano il ristagno della produttività sono così diverse, risulta difficile individuare anche gli interventi da realizzare per accrescere la produttività.

Ricolfi ha una sua tesi ben precisa e così scrive per individuare gli interventi da promuovere: “…è il complesso delle esternalità e di contesto, che rendono possibile una vita economica fluida e dinamica: una burocrazia efficiente e non pervasiva, una giustizia civile veloce, norme chiare e facili da applicare, adempimenti snelli e non troppo numerosi, poteri amministrativi ben delimitati, percorsi autorizzativi lineari, ragionevole stabilità delle leggi, dei regolamenti e della normazione secondaria, tempi certi per aprire un’attività, o anche semplicemente per ottenere un allacciamento telefonico. Ma anche: investimenti in infrastrutture materiali e immateriali, sostegno alla ricerca, valorizzazione della conoscenza (a partire da scuola e università)…”.

E Ricolfi, per avvalorare la sua testi, aggiunge che è proprio a partire dal 1995 che ha avuto inizio il cosiddetto federalismo fiscale, la cui conseguenza più importante, in quanto ha impedito o quanto meno ostacolato l’attuazione degli interventi prima evidenziati, è stata “l’immane moltiplicazione dei centri di decisione, dei soggetti coinvolti nei processi politici, degli adempimenti degli operatori economici, una pessima (perché confusa) ridefinizione dei compiti dei vari apparati della Pubblica Amministrazione, con conseguente proliferazione dei conflitti tra poteri pubblici, un dannosissimo allungamento dei percorsi autorizzativi a tutti i livelli e per tutti i tipi di soggetti…”.

Insomma Ricolfi sostiene che solo con una profonda riforma delle pubbliche amministrazioni si puo’ raggiungere l’obiettivo di un incremento rilevante della produttività.

La tesi di Ricolfi mi convince, ma mi sembra che un riforma delle pubbliche amministrazioni della portata da lui ritenuta necessaria non potrà che realizzarsi solamente, quanto meno, nel medio periodo.

E nel frattempo?

Si possono innanzitutto realizzare interventi di riforma delle pubbliche amministrazioni di minore rilievo, sebbene in linea con il processo di cambiamento ritenuto necessario da Ricolfi. E questo sta già avvenendo, sebbene troppo lentamente e quindi occorre quanto meno accelerare non solo la definizione ma soprattutto l’attuazione dei singoli interventi di riforma.

E poi promuovere altri cambiamenti nel comportamento delle pubbliche amministrazioni che possono produrre effetti anche nel breve periodo. Mi riferisco alla necessità di accrescere gli investimenti pubblici, in infrastrutture materiali ed immateriali – punto questo peraltro evidenziato anche da Ricolfi – e di ridurre i tempi di esecuzione di tali investimenti.

Nella consapevolezza però che risulta necessario anche un abbandono della politica di austerità, fin qui promossa dall’Unione europea, ed inoltre una maggiore dotazione di risorse finanziarie da parte della stessa Unione, per progetti infrastrutturali la cui realizzazioni sia promossa o dagli organi dell’Unione o dai singoli governi.

Ed infine l’attuazione da parte degli imprenditori privati di una politica di investimenti più incisiva, molto più consistente, il cui verificarsi non dipende solo, anche ma non solo, da una politica economica che la favorisca, ma, in primo luogo, da un comportamento degli imprenditori più dinamico ed innovativo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: