Bergoglio non vuole incontrare il Dalai Lama. E il dialogo interreligioso?

dalailama

Il Dalai Lama ha recentemente ricevuto la cittadinanza onoraria di Milano. Alcuni rappresentanti della comunità cinese hanno protestato. E’ noto che da tempo la Cina sta attuando una politica di “cinesizzazione” del Tibet. Non intende garantire alcuna autonomia al popolo tibetano. Chissà se anche il Papa è contrario all’attribuzione della cittadinanza onoraria di Milano al Dalai Lama?

Non mi stupirei se Bergoglio fosse contrario all’attribuzione di quelle onorificenza al Dalai Lama.

Infatti Bergoglio non ha voluto mai incontrare il Dalai Lama.

Tutto ciò nonostante il Papa si dica favorevole a promuovere il dialogo interreligioso.

Recentemente, in occasione dei 30 anni dall’incontro di Assisi, il Dalai Lama, una delle maggiori autorità del buddismo, non è stato invitato dal Papa a partecipare al nuovo incontro interreligioso tenutosi, sempre nella città umbra, nello scorso mese di settembre.

Del resto, nel 2014, Bergoglio non incontrò il Dalai Lama quando venne a Roma, nel 2014, in occasione del “summit” dei Nobel per la Pace.

Evidentemente il Papa teme, incontrando il Dalai Lama, di alienarsi le simpatie del governo cinese, governo che non vuole concedere al Tibet alcuna autonomia e, pertanto, sta attuando, nei confronti dei tibetani che non sono d’accordo con questa politica dei cinesi, un’azione di repressione, calpestando i più elementari diritti umani.

Quindi a Bergoglio non sembrano interessare le legittime aspettative del popolo tibetano ma, piuttosto, le pretese del governo cinese.

Quando il Papa non incontrò a Roma il Dalai Lama, Piergiorgio Odifreddi così commentò la decisione di Bergoglio, in una nota dal titolo piuttosto emblematico “Il coraggioso Papa non riceve il Dalai Lama”.

“I lettori di questo blog sanno quanto sono stato in disaccordo con Grillo, su innumerevoli questioni. Non è dunque per ‘grillismo’, che riprendo qui il suo post di oggi sul suo sito, ma solo perché lo condivido ‘in toto’, e non saprei dir meglio di lui:

‘Il Dalai Lama è stato in questi giorni a Roma per il XIV summit dei Nobel per la Pace, previsto in Sudafrica prima che negassero il visto al Dalai Lama per non irritare la Cina.

I tibetani hanno fatto un tentativo per incontrare il Papa che si è negato. Un atteggiamento politico e non evangelico.

Questo Papa ha ricevuto tutti, ma proprio tutti, a partire da Balotelli con cui ha avuto anche un breve colloquio privato. Evidentemente il Dalai Lama non aveva segnato due gol alla Germania.

Oltretevere spiegano che non si vuole entrare nelle ‘tensioni’ fra il leader tibetano e Pechino.

Questo pontefice è stato il primo che ha potuto attraversare lo spazio aereo cinese. Francesco ha detto ‘Se andrei in Cina? Ma sicuro, domani!’. Un dialogo epocale tra realtà millenarie da non mettere in discussione.

Il Dalai Lama può attendere insieme al Tibet’”.

E in questo caso io sono d’accordo sia con Odifreddi che con Grillo (peraltro non so se nel frattempo Grillo abbia cambiato opinione, Odifreddi non credo proprio).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: