Virginia Raggi inadeguata per l’incarico di sindaco di Roma

rqa

Ieri sera, per la prima volta, ho avuto modo, casualmente, di ascoltare, in una trasmissione televisiva, Virginia Raggi, la candidata del movimento 5 stelle a sindaco di Roma. Mi è sembrata del tutto inadeguata, in caso di vittoria, a ricoprire l’importante incarico di sindaco della capitale d’Italia.

Peraltro Virginia Raggi è considerata la favorita, tra tutti i molti candidati a sindaco di Roma. E’ comunque probabile che vada al ballottaggio, forse insieme al candidato del Pd, Roberto Giachetti.

Virginia Raggi ha suscitato l’attenzione di importanti media, anche esteri, proprio perché è considerata come una candidata che ha buone chances di vittoria.

A me è stato sufficiente ascoltarla per pochi minuti a 8 e mezzo, la trasmissione di La7, condotta da Lilli Gruber, per concludere che la Raggi non sarà assolutamente in grado di essere un sindaco di Roma, in grado di risolvere anche solo una piccola parte dei molti e gravi problemi che contraddistinguono Roma.

Mi è sembrata una giovane e bella signora, che si sta applicando, che sta studiando con impegno, per essere in grado di diventare un candidato credibile all’incarico di sindaco, come se si trovasse di fronte alla necessità di preparare un esame della facoltà di giurisprudenza, da lei frequentata con profitto, essendo riuscita a diventare un buon avvocato.

Ma l’esame che deve affrontare è senza dubbio molto più impegnativo di quelli universitari che ha superato in passato.

Del resto non ci si improvvisa sindaco di Roma.

Certo gli altri candidati hanno altri problemi, di diversa natura, anch’essi molto importanti comunque, che li rendono dei potenziali sindaci della capitale d’Italia per nulla ideali.

Ma i limiti degli altri candidati non ci possono indurre a mettere da parte, a non considerare, quelli di Virginia Raggi.

La Raggi non ha alcuna responsabilità relativamente alla cattiva amministrazione che, soprattutto negli ultimi anni, ha determinato lo sfascio che caratterizza Roma.

E’ comprensibile che lei, e il movimento politico che ha deciso di candidarla, appaiano diversi dagli altri candidati e dai partiti che li sostengono.

Ma non è sufficiente essere diversi, è necessario essere capaci di affrontare i gravi problemi di una metropoli come Roma.

E Virginia Raggi non mi sembra per nulla in grado di essere un buon sindaco di Roma.

E spero che non lo diventi.

Anche perché con un sindaco debole, come sarebbe, se eletta, la Raggi, il rischio che si corre è che a governare davvero Roma siano altri, non il sindaco e la giunta, dei gruppi di potere che non hanno a cuore l’interesse generale dei romani, ma solo i propri interessi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: