In forte crescita le aggressioni ai ferrovieri

In notevole aumento i dipendenti delle Ferrovie che sono stati aggrediti, nel corso della loro attività lavorativa. Infatti nel 2014 sono stati 309 i ferrovieri che hanno subìto delle aggressioni, mentre nel 2013 furono 227.

E nei primi cinque mesi del 2015 sono stati oltre 140.

Per quanto riguarda gli aggressori, il numero degli stranieri (54)  è di poco superiore agli italiani (41). I casi rimanenti hanno come protagonisti coloro che eseguono attività abusive a bordo dei treni.

L’ultima aggressione si è verificata mercoledì 11 novembre nelle Marche, sulla tratta Ravenna-Senigallia.

Pertanto la Filt Cgil regionale ha dichiarato che “il fenomeno delle aggressioni ha ormai superato ogni misura: i capitreno non sono sceriffi, e non sono neanche poliziotti. L’azienda deve trovare una soluzione al problema, va garantita la sicurezza dei dipendenti e dei viaggiatori”.

Questo sindacato ha denunciato la debolezza dell’azione svolta a tutela dei ferrovieri sia da parte di Trenitalia che da parte delle istituzioni.

Nella nota diramata dalla Filt Cgil delle Marche si può ancora leggere: “Un vero e proprio Far West, dal Nord al Sud dell’Italia, che interessa i grandi scali, ma soprattutto le piccole stazioni di periferia, in particolare negli orari serali.

Il capotreno e il macchinista sono sottoposti a stress quando viaggiano sui treni più difficili, senza contare lo shock quando subiscono un’aggressione. Così come la paura di tornare al lavoro”.

Il sindacato inoltre critica i continui tagli alle risorse sulla sicurezza ed anche i tagli alle Regioni riguardo il trasporto pubblico locale, che certamente non agevolano il miglioramento della situazione, con organici sempre più all’osso e tratte pericolose che dovrebbero essere presidiate di più”.

La Filt Cgil delle Marche sostiene che gli interventi fin qui realizzati siano stati del tutto insufficienti.

E conclude: “Non si può andare avanti col rischio, ogni giorno, di essere aggrediti fino a quasi perdere la vita. Non è giusto nei confronti delle donne e degli uomini che, quotidianamente, fanno il loro dovere”.

A me sembra che le considerazioni del sindacato siano del tutto condivisibili.

Non c’è dubbio che gli interventi per contrastare il fenomeno delle aggressioni ai ferrovieri debbano essere ben più consistenti rispetto a quelli attuati fino ad ora, del tutto insufficienti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: