4.000 morti per incidenti stradali

In Italia, nel 2013, si sono verificati 3.721 morti in seguito ad incidenti stradali, pari ad un rapporto per 100.000 abitanti di 6,1 a fronte di una media mondiale di 17,5. Questi dati sono contenuti in un rapporto, realizzato dall’Organizzazione mondiale per la sanità.

Ogni anno nel mondo 1,25 milioni di persone muoiono ogni anno a causa degli incidenti stradali, che sono la prima causa di morte per i giovani tra i 15 e i 29 anni.

Tre decessi su quattro sono di uomini.

I motociclisti sono particolarmente colpiti. Costituiscono infatti il 23% di tutti i decessi stradali.

E il fenomeno presenta molte differenze a seconda delle aree del mondo in cui si vive.

Infatti un grande divario ancora separa i paesi ad alto reddito da quelli a basso e medio reddito, dove si verificano il 90% delle morti per incidenti stradali pur avendo solo il 54% dei veicoli di tutto il mondo.

L’Europa ha il tasso di mortalità più basso pro capite (9,3 decessi ogni 100.000 abitanti), l’Africa il più alto con il 26,6. La media del mondo è di 17,5 morti ogni 100.000 abitanti.

Tuttavia, il numero di morti per incidenti stradali si sta stabilizzando, anche se il numero di veicoli a motore in tutto il mondo è aumentato rapidamente, così come la popolazione mondiale. Negli ultimi tre anni, in 79 paesi si è verificata una diminuzione del numero assoluto di incidenti mortali, mentre in 68 paesi si è registrato un aumento.

Il direttore generale dell’Oms, Margaret Chan, ha dichiarato, a tale proposito: “Le vittime del traffico stradale rappresentano un tributo inaccettabile, in particolare per i poveri nei paesi poveri. Ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Il rapporto mostra che le strategie per la sicurezza stradale stanno salvando vite umane. Ma ci dice anche che il ritmo del cambiamento è troppo lento”.

Le considerazioni del direttore generale dell’Oms valgono anche per l’Italia.

E’ necessario che il numero dei morti causati dagli incidenti stradali si riduca considerevolmente, in tempi rapidi.

Nel nostro Paese ci si sta concentrando sull’introduzione del reato di omicidio stradale. Uno specifico disegno di legge è stato approvato dal Senato, ma è fermo alla Camera. Peraltro non tutti gli osservatori riconoscono all’introduzione di questo reato una notevole efficacia.

Comunque mi sembra indispensabile attuare una  politica di più ampia portata rispetto a quanto avvenuto in passato, basata anche su un’estesa azione di prevenzione, che punti a ridurre notevolmente gli incidenti stradali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: