Un errore candidare Marino a sindaco di Roma

Fino ad alcuni mesi or sono apprezzavo molto Ignazio Marino. Ora non più. Soprattutto da quando è diventato sindaco di Roma. E non ero solo io ad esprimere un giudizio positivo su Marino. E’ necessaria, quindi, maggiore attenzione nel valutare gli esponenti politici, particolarmente quando sono chiamati a ricoprire importanti incarichi.

Io, per un periodo non breve, ho giudicato positivamente l’operato di Ignazio Marino, in particolar modo quando si candidò a segretario del Pd.

Apprezzammo in molti la sua candidatura, sebbene fosse evidente fin dall’inizio che non avrebbe potuto ottenere i consensi necessari per diventare davvero segretario del Pd, perché ritenevamo che Marino, pur se non eletto, avrebbe potuto contribuire a rendere il Pd un partito realmente nuovo, in grado di governare, trasformandola, l’Italia.

E pensavamo che, dopo le primarie per l’elezione del segretario del Pd, Marino potesse guidare un’area politico-culturale, all’interno del Pd, tendente a raggiungere effettivamente l’obiettivo appena citato.

Prima delusione: Ignazio Marino non seppe o non volle costituire e guidare quell’area politico-culturale. E, conseguentemente, si disperse quel ricco patrimonio di donne e di uomini che si impegnarono, fortemente e con molte speranze, a sostegno della sua candidatura.

Successivamente, comunque, Marino svolse una pregevole attività come senatore, soprattutto affrontando i principali problemi della sanità italiana, settore che conosceva molto bene, essendo stato un ottimo chirurgo.

Molto importante fu il suo impegno in qualità di presidente della commissione d’inchiesta sull’efficacia e sull’efficienza del servizio sanitario nazionale.

Tra l’altro, come presidente di questa commissione, riuscì a rendere note all’opinione pubblica le drammatiche condizioni in cui erano costretti a vivere quanti erano ancora rinchiusi negli ospedali psichiatrici giudiziari.

Quest’ultima sua attività fu fondamentale affinchè si decidesse la chiusura definitiva degli Opg.

Del resto il suo impegno, fuori e dentro il Parlamento, rappresentò il fattore principale che gli fece stravincere le primarie per la scelta del candidato del centrosinistra a sindaco di Roma.

Ma non si valutò, nella misura dovuta, la sua capacità di svolgere adeguatamente il difficile incarico di sindaco della Capitale d’Italia. Forse si pensò solamente al fatto che la sua potesse essere una candidatura vincente, come poi peraltro si rivelò.

Con il senno di poi, la sua totale inesperienza come amministratore locale avrebbe dovuto impedire la sua candidatura.

Senza dubbio furono sottovalutate le sue possibili e notevoli difficoltà che avrebbe incontrato nell’affrontare i notevoli problemi che caratterizzano una città, una metropoli, come Roma.

Ma la realtà ha superato ogni immaginazione. E, probabilmente, Marino nemmeno si rende conto di essere del tutto inadeguato a svolgere il prestigioso, e molto complesso però, incarico che ricopre.

Le sue frequenti assenze da Roma, in periodi anche molto difficili, sono la testimonianza più evidente di tale sua inadeguatezza.

Quindi, qual è la considerazione finale che emerge da tale vicenda?

Non si devono scegliere coloro che potranno essere chiamati a ricoprire incarichi di governo, nazionale e locale, di particolare rilievo, solamente in base o alle loro doti comunicative o al loro carisma personale, elementi che possono favorire, ad esempio, un successo elettorale.

Non si può prescindere dalla verifica dell’esistenza o meno delle necessarie competenze e capacità, per lo svolgimento di questi incarichi.

Assolutamente no.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: