Un appello di Amnesty: migranti, prima le persone poi le frontiere

La sezione italiana di Amnesty International ha redatto un appello, indirizzato al presidente del Consiglio Matteo Renzi, nel quale sono contenute alcune richieste volte ad affrontare il problema rappresentato dal notevole  numero di migranti che tentano di attraversare il canale di Sicilia, una parte consistente dei quali, purtroppo, perde la vita.

Per firmare l’appello si può utilizzare il sito www.amnesty.it.

Ecco il testo dell’appello.

“Si stima che il 18 aprile, oltre 800 migranti e rifugiati siano annegati nel canale di Sicilia nel tentativo di salvataggio da parte di una nave mercantile.

Una tragedia umanitaria di proporzioni titaniche, che cresce a dismisura.

Se i dati dei recenti incidenti saranno confermati, 1.700 persone sono morte dall’inizio dell’anno, 100 volte in più rispetto allo stesso periodo del 2014.

La decisione di porre fine all’operazione della Marina italiana Mare Nostrum, e la sua sostituzione con un’operazione europea – operazione Triton – di solo pattugliamento delle frontiere e non di ricerca e soccorso, hanno contribuito a questo drammatico aumento.

L’Unione europea non deve più voltare le spalle alla sofferenza e ai pericoli a cui vanno incontro centinaia di persone che ogni settimana salgono su imbarcazioni insicure, affrontano un viaggio in quella che è la rotta marittima più mortale al mondo per fuggire da violenze, guerre e persecuzioni.

Fino a quando il vuoto lasciato dalla fine dell’operazione Mare nostrum non sarà colmato, continueranno a morire in massa nel Mediterraneo.

Il vertice europeo del 23 aprile ha deciso di ampliare le risorse a disposizione dell’operazione Triton ma non ne ha esteso l’area operativa alle acque internazionali, ossia dove si verifica la maggior parte delle morti.

I leader europei stanno affrontando il problema solo a metà.

L’Europa deve proteggere le vite e i diritti lungo i suoi confini.

L’Italia deve chiedere agli stati membri dell’Ue che le persone vengano prima delle frontiere.

Chiedi al presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi di far sì che:

  • le operazioni di ricerca e di soccorso nel Mediterraneo e nel mare Egeo siano rafforzate
  • percorsi più sicuri e legali per raggiungere l’Europa siano forniti a chi fugge da conflitti e persecuzioni
  • l’accesso alla protezione internazionale sia garantito a chi raggiunge le frontiere dell’Unione europea
  • la cooperazione sui flussi migratori con i paesi che violano i diritti umani sia fermata

Non posso aggiungere altro che invitare tutti i lettori di questo post a firmare l’appello.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: