70.000 i malati di sclerosi multipla

L’Italia è considerato un paese ad alto “rischio” di sclerosi multipla: la sua incidenza è pari a 6-8 nuovi casi per 100.000 abitanti per anno. Colpisce in Italia 70.000 persone, con  oltre 2000 nuovi casi ogni anno, soprattutto tra i 20 e i 40 anni. Questi e altri dati sono contenuti nell’indagine realizzata dal ministero della Salute, a cui ha partecipato anche l’Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla).

In un articolo pubblicato su www.quotidianosanita.it ci si occupa dei principali risultati di questa indagine.

“Ammontano a 23.000 euro le spese sanitarie sostenute nel 2011 per ciascun malato di sclerosi multipla con disabilità lieve, cifra che sale a 63.000 euro in caso di pazienti con disabilità grave. Il costo sociale medio annuo per paziente è di circa 38.000 euro; quello complessivo si stima oltre i 2,7 miliardi di euro.

E anche se la riabilitazione è un diritto di tutti, oltre la metà dei malati non la fa. I costi dovuti alla riabilitazione rappresentano il 26,7% dei costi sanitari dei quali una quota considerevole sono dovuti a ricovero in ospedale per riabilitazione. Per questo è probabile che una miglior qualità dei servizi riabilitativi sul territorio potrebbe ridurre tali costi.

Sono alcuni dei dati e delle considerazioni emerse dal programma di ricerca – interamente finanziato dal ministero della Salute – volto a indagare il ruolo e le potenzialità della riabilitazione per il trattamento della sclerosi multipla e il miglioramento della qualità della vita, per l’efficacia della riabilitazione, le ricadute sui costi sociali e la tutela del lavoratore con disabilità.

L’analisi, che è durata 3 anni, è stata condotta con la partecipazione dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e con la collaborazione di diversi enti di ricerca in tutto il territorio italiano, tra cui Università italiane, Centri Clinici e Riabilitativi e Centri Studi.

Una sintesi dei risultati è stata presentata in occasione di un convegno organizzato in concomitanza con l’annuale Congresso della Sin (Società Italiana di Neurologia) in corso a Milano.

Ecco alcuni dei risultati dell’indagine.

L’Italia è considerato un paese ad alto ‘rischio’ di sclerosi multipla: la sua incidenza è pari a 6-8 nuovi casi per 100.000 abitanti per anno. Colpisce in Italia 70.000 persone, con  oltre 2.000 nuovi casi ogni anno, soprattutto tra i 20 e i 40 anni.

La sclerosi multipla non riduce l’attesa di vita e con essa, con progressiva disabilità, si convive per decenni. L’incremento progressivo della prevalenza deve essere affrontato dal servizio sanitario nazionale con l’utilizzo di farmaci innovativi ad impatto sulla progressione della malattia e con una qualificazione dei servizi che ne limitino le conseguenze in termini di costo per la società e che al tempo stesso indirizzino l’utilizzo appropriato delle risorse.

La sclerosi multipla è la seconda causa di disabilità neurologica tra i giovani adulti, seconda tra le malattie neurologiche per costo sociale. Ciò motiva la valutazione del ruolo dei servizi preposti, lo studio aggiornato del costo sociale in Italia con la valutazione dell’efficacia degli interventi clinico-assistenziali e socio-sanitari…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: