La silenziosa strage dei bambini afgani

Le Nazioni Unite hanno realizzato un rapporto nel quale si sostiene che, anche solo negli ultimi quattro anni, in Afghanistan sono stati uccisi centinaia di bambini dai militari statunitensi, soprattutto in seguito ad attacchi aerei.

Si riferisce dei contenuti del rapporto in un articolo pubblicato su www.giornalettismo.com.

“Quando volano le bombe non cadono solo i soldati, è così che si consuma in parallelo la strage dei civili e si perde il conto dei bambini morti per mano dell’esercito americano durante il conflitto afgano.

Il comitato delle Nazioni Unite per i diritti dei bambini ha diffuso un documento che dà uno schiaffo alle coscienze dei potenti: solo negli ultimi quattro anni, sono stati uccisi centinaia di bambini.

L’11 settembre 2011 crollano le Torri Gemelle e l’America piange le sue vittime prima di prepararsi alla risposta e così, neppure un mese dopo, il 7 ottobre le truppe arrivano in Afghanistan pronte ad iniziare il conflitto, contro i talebani, che si rivelerà il più lungo combattuto dagli Stati Uniti.

La battaglia è ancora in corso e ha seminato migliaia di vittime tra militari americani, alleati, ribelli ma soprattutto civili.

È nell’ultimo gruppo che dobbiamo inserire i centinaia di bambini uccisi in nome di una guerra sanguinaria che non risparmia neppure la loro giovane età. Il rapporto stilato dalle Nazioni Unite ha preso in considerazione solo gli ultimi quattro anni del conflitto ma delinea una cifra considerevole di morti bianche, riporta Tages Anzeiger.

‘I dati raccolti sono allarmanti, centinaia di bambini sono stati uccisi dalle truppe statunitensi in Afghanistan, soprattutto attraverso attacchi aerei. Le cause sono da ricercarsi nella mancata precisione dei militari e in un uso indiscriminato della forza’ ha rivelato il comitato delle Nazioni Unite per i diritti dei bambini con sede a Ginevra.

Le Nazioni Unite monitorano la situazione ogni quattro anni e il rapporto sugli attacchi aerei è molto dettagliato, scrive Fox News. John Brennan, l’uomo eletto da Obama a capo dei servizi contro il terrorismo, è stato ascoltato in un’udienza di fronte a una commissione di Intelligence del Senato.

Brennan si è occupato del programma dei droni e ha difeso la politica di questi attacchi spiegando che ‘colpiscono in modo mirato per evitare vittime’.

Un rapporto dell’Onu dello scorso aprile, inoltrato dal segretario generale Ban Ki-moon spiegava: ‘Il numero delle vittime di bambini attribuito alle incursioni aeree condotte dalle forze filo-governative, sia militari afgane che truppe internazionali, è raddoppiato rispetto al periodo di riferimento precedente. Nel 2011 si contavano 108 bambini uccisi e 68 feriti’.

Victoria Nuland, portavoce del Dipartimento di Stato americano ha detto di ‘non essere ancora a conoscenza del rapporto delle Nazioni Uniti’.

Il rapporto chiede esplicitamente agli Stati Uniti di ‘adottare misure concrete e reali per impedire l’uso indiscriminato della forza al fine di evitare la morte e la mutilazione dei civili, compresi i bambini’.

Inoltre, viene chiesto al paese di Obama di ‘garantire che i bambini e le famiglie vittima di attentati e attacchi aerei possano godere di risarcimenti e indennizzi’.

I bambini muoiono a causa di attacchi aerei, kamikaze ma anche per esplosione di mine. I più colpiti sono quelli di età compresa tra gli 8 e i 15 anni, spiega il rapporto ‘Children and armed conflict’.

Solo nel 2011 sono stati segnalati 185 casi di attacchi contro edifici scolastici e 51 attacchi suicida, nonostante il divieto di attaccare scuole e insegnanti imposto dai talebani proprio nel 2011.

Quando finalmente leggeranno il rapporto, come risponderanno gli americani?”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: