La povertà si diffonde

E’ in aumento il numero dei poveri. E’ quanto emerge dal rapporto Caritas 2012 sulla povertà in Italia.

In un articolo pubblicato su www.sanita.ilsole24ore.com Rosanna Magnano analizza i principali contenuti del rapporto.

“Sempre più italiani, casalinghe, anziani, genitori separati, soprattutto donne, con situazioni di multi problematicità che coinvolgono intere famiglie.

Il profilo dei nuovi utenti dei centri di ascolto Caritas è sempre meno coincidente con quelli della grave marginalità e va verso una ‘normalizzazione sociale’ del bisogno.

La povertà dunque si diffonde. E’ il quadro che emerge dal nuovo rapporto Caritas 2012 su povertà ed esclusione sociale in Italia, dal titolo ‘I ripartenti. Povertà croniche e inedite. Percorsi di risalita nella stagione della crisi’.

Rispetto al 2009 si osserva un forte incremento della componente demografica in età avanzata: +51,3% di anziani; +177,8% di casalinghe; +65,6% di pensionati.

A tale tendenza si associa l’incremento di utenti con figli minori conviventi (+52,9%) e una sostanziale stabilità nel numero di persone separate o divorziate (+5,5%).

Da notare infine la diminuzione di persone disoccupate (-16,2%) e soprattutto di analfabeti (-58,2%).

Nel 2011, il problema-bisogno più frequente degli utenti dei centri Caritas è quello della povertà economica (26% del totale), seguito dai problemi di lavoro (22,9%). Poco significativi alcuni problemi che evidentemente trovano spazi di ascolto in altri tipi di servizi, e che fanno registrare livelli di incidenza tutti inferiori al 2% (istruzione, detenzione, dipendenze, disabilità, ecc.). I problemi di salute coprono una quota del 7,3% fra gli utenti italiani e dello 0,9% fra gli stranieri.

Tra gli stranieri l’incidenza della povertà economica è meno pronunciata rispetto a quanto accade tra gli italiani (22,2% contro il 40,6%). Identici per le due macroprovenienze nazionali i livelli di diffusione della disoccupazione (circa 24%). Interessante notare come i problemi abitativi siano più diffusi tra gli italiani (10,4%) rispetto a quanto si osserva tra gli stranieri (6%). Diminuisce nel complesso la richiesta di assistenza sanitaria (1,9% rispetto al 4,4% del 2009).

In base agli ultimi dati relativi ai primi 6 mesi del 2012 si confermano alcune linee di tendenza: aumentano ancora gli italiani (+ 15,2%); stabili i disoccupati (59,5%); aumentano i problemi di povertà economica (+10,1%); diminuisce del 10,7% la presenza di persone senza dimora o con gravi problemi abitativi; aumentano gli interventi di erogazione di beni materiali (+44,5%).

In generale, quindi, si legge nel rapporto Caritas, la crisi economico-finanziaria ha determinato l’estensione dei fenomeni di impoverimento ad ampi settori di popolazione, non sempre coincidenti con i ‘vecchi poveri’ del passato. Si impoveriscono ulteriormente le famiglie immigrate e peggiorano le condizioni di vita degli emarginati gravi, esclusi da un welfare pubblico sempre più residuale…”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: