La prima marcia per la sicurezza sul lavoro

Gli infortuni sul lavoro in Italia, è noto purtroppo, sono numerosi. E numerose sono anche le morti, decisamente troppe. Devono assolutamente diminuire. Per ottenere questo obiettivo è necessario garantire una maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro. E tale obiettivo è stato al centro della prima marcia nazionale, organizzata dall’Anmil (l’associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro), svoltasi il 30 giugno ad Assisi.

Come e perché si è tenuta questa manifestazione?

Lo si può evincere leggendo una nota emessa dalla stessa Anmil:

“Ha avuto luogo oggi ad Assisi la 1ª Marcia nazionale per la sicurezza sul lavoro, alla quale hanno preso parte circa 3.000 cittadini provenienti da tutta Italia per sottolineare con l’Anmil, insieme a esponenti istituzionali, associazioni e organizzazioni che operano nel mondo della prevenzione e della sicurezza in ambito lavorativo, nonché rappresentanti del mondo sindacale, che non ci deve essere né disinteresse né accettazione verso eventi troppo spesso ritenuti – a torto – frutto di tragiche fatalità, mentre il sistema di tutela delle condizioni di lavoro, le norme antinfortunistiche, ogni possibile strumento o iniziativa in grado di preservare la salute e la vita dei lavoratori e l’assicurazione pubblica contro gli infortuni, non possono essere sacrificati…”.

E anche in un articolo pubblicato su www.lettera43.it si riferisce di quanto avvenuto ad Assisi:

“I numeri dei morti sul luogo di lavoro, sebbene in calo, sono infatti ancora troppo alti: secondi i dati Inail, hanno spiegato ad Assisi, nel 2010 sono stati denunciati 775.000 infortuni, in calo dell’1,9% rispetto ai 790.000 del 2009. Sono diminuite anche le morti: nel 2010 sono state 980 contro le 1.053 dell’anno precedente, in discesa del 6,9%.

Ma secondo l’Inail i dati si sono stabilizzati nel 2011 e così l’Anmil ha deciso di chiedere ai sindacati di marciare insieme ogni anno, per far diventare questa camminata contro le morti bianche un appuntamento fisso da aggiungere alla giornata già dedicata a chi ha perso la vita lavorando, la seconda domenica di ottobre.

Prima della marcia ha preso parola il presidente dell’associazione, Franco Bettoni, secondo il quale per evitare gli infortuni sul lavoro ‘non bastano le leggi, gli investimenti e i sostegni alle aziende, non bastano i controlli, non basta perseguire imprenditori che sfruttano il lavoro nero, disattenti o anche colpevoli’ ma anche, ha aggiunto, ‘non basta pretendere macchine sicure, protezioni dai rischi ben utilizzate, non basta la formazione. Occorre anche promuovere una cultura della sicurezza che entri nel tessuto produttivo delle imprese, nella stessa compagine dei lavoratori’”.

Concordo pienamente con quanto dichiarato dal presidente dell’Amnil. Effettivamente sono diversi gli interventi che è necessario realizzare per migliorare, in misura considerevole,  la sicurezza sui luoghi di lavoro. E non c’è dubbio che tale obiettivo deve essere assolutamente perseguito. Non ci si può certamente accontentare del fatto che nel 2011 il numero degli infortuni e delle morti sul lavoro sembra non essere aumentato. Quel numero deve diminuire notevolmente. Non può che essere questo l’obiettivo. E ben vengano anche iniziative nuove, come la marcia organizzata ad Assisi, perché si potranno rivelare senza dubbio utili. Ed è auspicabile che il prossimo anno siano molti di più i partecipanti e che anche i mass media si occupino di questa manifestazione. Infatti ogni giorno purtroppo si verificano infortuni e morti sul lavoro e, per sviluppare quella cultura della sicurezza di cui ha parlato il presidente dell’Anmil Bettoni, è indispensabile una notevole partecipazione dei cittadini alle iniziative sulla sicurezza nel lavoro e una diffusa attenzione a tali problematiche da parte dei mass media.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: